Al cinema con Salvo: Glory- Uomini di gloria

Paese di produzione: Stati Uniti d’America

Anno: 1989

Durata: 122 min

Genere:guerra, drammatico

Regia: Edward Zwick

Siamo nell’estate del 1861, quando esplode la guerra di secessione americana combattuta tra gli Stati Uniti d’America e gli Stati Confederati d’America; Nord e Sud a confronto in quella che è stata  definita come una guerra il cui fine fu la salvaguardia dell’unione e della libertà.

Il giovane colonnello Robert Gould Shaw, interpretato dall’attore statunitense Matthew Broderick, accetta l’incarico di addestrare il primo reggimento formato prevalentemente da ex-schiavi neri, a cui fu concesso per la prima volta nella storia americana, di arruolarsi. Il colonnello Shaw capisce che ai suoi uomini non basta aver ricevuto l’opportunità di potersi arruolare per sentirsi alla pari con gli altri soldati; inizierà quindi a battersi per i suoi sottoposti cercando di guadagnarsi la loro fiducia e riuscendo a portarli sul campo di battaglia. Ed è così che arriva il giorno della battaglia di Fort Wagner, dove gli uomini del 54° reggimento dimostreranno un grande entusiasmo nel dover affrontare una delle operazioni più difficili e con poche probabilità di successo, ma grazie alla quale potranno dare prova del loro valore e di poter essere ricordati, indipendentemente dalle sorti dell’operazione, come eroi e non come schiavi.

Pur non essendo un appassionato di film di guerra, vale la pena vedere“Glory”: poche le scene di guerra in campo, la regia dà importanza alla “vera” battaglia, quella degli ex-schiavi contro il pregiudizio. La bravura degli attori, riesce a catturare l’attenzione del pubblico: sulle difficoltà del soldato Thomas Searles, interpretato da Andre K. Braugher, di inserirsi nel gruppo ottenendo il rispetto dei propri compagni; sulle lacrime che fanno fatica a scendere sul volto del soldato Silas Tripp mentre viene frustato, nascondendo ogni forma di sofferenza, buttando fuori tutta la rabbia e la tristezza che la vita da schiavo gli aveva procurato, interpretato dall’attore e regista statunitense Denzel Washington, che per questo ruolo ha vinto l’oscar come migliore attore non protagonista, infine il pubblico verrà sicuramente attratto dalla capacità del sergente maggiore John Rawlins di tenere il ritmo con le mani cantando la sera prima della grande battaglia, “Oh My Lord”(che mi ricorda molto Whoopi Goldberg in “Sister Act”) ; interpretato da  un fantastico, il che non mi sorprende, Morgan Freeman, che subito intuisce le difficoltà nella gestione del reggimento da parte dei bianchi, diventando così portavoce dei problemi interni al gruppo facilitando le decisioni del colonnello.

Glory mette in luce come il proclama con cui Lincoln metteva fine alla schiavitù, non avrebbe mai potuto mettere fine ai confini razziali nella società dell’epoca, ma sia stato un passo avanti. Il regista Edward Zwick, noto per la tendenza ad analizzare nei suoi film problemi di carattere sociale, si trova qui alla sua prima prova da regista, dove, descrivendo la suddivisione del paese tra bianchi e neri attraverso gli occhi del  capitano Robert Gould Shaw, mette in scena la vera storia della formazione e dell’addestramento del 54° reggimento di fanteria del Massachusetts.

Di particolare rilevanza, secondo me, è anche la scena finale del film, quando il soldato Tripp e il colonnello Shaw, adagiandosi l’uno vicino all’altro, come un padre e un figlio pronti al confronto, sembrano aver superato tutte le loro incomprensioni passate.

Non darò più semplicemente ragione all’essere giudicando il fare, vorrò prima essere sicuro che tra i due ci sia armonia e sintonia.

Salvo Di Venti

Poster

Questo articolo ha 4 commenti.

  1. Dello stesso regista è molto bello anche Defiance – I giorni del coraggio: l’hai visto?

    1. Ciao
      Grazie per aver letto la mia recensione, io ho visto solo questo suo film, mi suggerisci di vedere anche Defiance per qualche assonanza con Glory?
      (Satò)

  2. Figurati, i commenti e lo scambio di idee rendono ancor più interessante scrivere per un blog, quindi felice di risponderti,e senz’altro andrò a vedere i film da te suggeriti grazie.
    Non perderti la mia recensione che uscirà questo mercoledì è molto carina.

Rispondi

Chiudi il menu
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: