Al cinema con Salvo: Match point

Lingua originale: inglese

Paese di produzione: Gran Bretagna, Stati Uniti d’America

Anno: 2005

Durata: 124 min

Rapporto: 1, 85:1

Genere: ndrammatico, thriller

Regia: Woody Allen

Soggetto: Woody Allen

Sceneggiatura: Woody Allen

Produttore: Letty Aronson, Gareth Wiley, Lucy Darwin

E te ne resti incollato alla sedia con il fiato sospeso, a fissare lo scambio di battute tra i protagonisti a ritmo incalzante, che si affrontano nell’inconsueto match della vita, a giudicarne ogni singola giocata e a saltare in piedi ogni qualvolta una di esse possa sembrare decidere le sorti dell’intera partita.

Ecco cosa succede quando il regista statunitense Woody Allen decide di paragonare la vita ad una partita di tennis, il fattore fortuna può essere determinante in ogni singola nostra giocata, rimescolando le carte, vanificando l’impegno, la fatica e la concentrazione nel progettarla, o, viceversa, annullando gli effetti delle avversità e degli ostacoli incontrati. Gli atleti che si affrontano in questa partita sono Jonathan Rhys Meyers nei panni del giovane, bello e fortunato Chris Wilton, Scarlett Johansson che interpreta la sensuale Nola Rice e, infine, Emily Mortimer, ovvero la dolce e gentile Chloe Hewett Wilton.

Il torneo amoroso è ben strutturato, il pubblico si trova di fronte alla classica partita che piace guardare, giocata in perfetta sintonia tra Chris e Chloe, e quella impulsiva tra Chris e Nola, che si stuzzicano e vanno fuori schemi di gioco, mettendosi in difficoltà con giocate maliziose, con l’intento di scoprire l’uno le caratteristiche dell’altro, senza dubbio, una partita più passionale quest’ultima.

Tutto sembra normale per Chris, giocare due partite, una più semplice, più schematica e l’altra più complicata e intrigante, ma, sfortunatamente, ad ospitare le due partite non è il classico campo con rete ed un arbitro a dirigere, bensì un campo più grande, senza linee che ne marcano lo spazio di gioco e con aspettative più alte che un semplice premio. Saranno proprio le stesse aspettative delle due belle protagoniste, Nola e Cloe, che costringeranno Chris a decidere di continuare a giocare solo una partita e chiudere l’altra.

Un giocatore in difficoltà con la voglia di chiudere la partita più scomoda, ricorrendo ad ogni mezzo e rifiutando la sconfitta, ma chiaramente incapace di rispondere con lucidità ai colpi dell’avversario, e tu, da spettatore, non farai altro che augurargli buona fortuna.

Quando apri l’armadio della tua vita troverai abiti che ti metteranno il sorriso e abiti che ti ricorderanno momenti infelici, resta il fatto che vivere vuol dire averli indossati entrambi.

Salvo Di Venti

31779165_10216633672784302_1282849449336373248_n.jpg

Rispondi

Chiudi il menu
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: