Breviario del rivoluzionario da giovane di Bruno Osimo

di Enrica Frigerio

In questo romanzo autobiografico l’autore racconta gli anni della sua gioventù, in cui si trasferisce da Padova a Milano, dove comincia a frequentare il liceo scientifico X.

La storia non segue un ordine cronologico: ogni capitolo porta il nome di una delle tante novità in cui Bruno si imbatte, non solo “Fisica” e “Seno e coseno”, ma anche “Esproprio proletario”, “Occupazione” e “Fermo di polizia”. In questa nuova realtà, tanto distante da quella provinciale padovana, Bruno oscilla fra la versione del buono beneducato a quella del rivoluzionario coscienzioso (munito di spranga). Fra un volantinaggio e una manifestazione, impara che tenere la porta aperta alle donne è una mancata presa di coscienza, che il personale è politico e che la gentilezza è borghese – il vero rivoluzionario, infatti, è studiatamente cafone. Impara che la barba lunga è segno di creatività democratica, che l’uso del congiuntivo è un artificio controrivoluzionario per dividere le masse, che la realtà è inaccettabile e chi pensa che sia anche solo in parte accettabile è fascista. Impara che bisogna stare ingobbiti – quelli che stanno su dritti col petto in fuori sono fascisti, è ovvio -, che quando si prende la metro non si deve pagare il biglietto, ma che, dopo tutto, la cena è la cena e non bisogna tardare se no papà sta in pensiero.

Un libro di una ironia e di un sarcasmo irriverenti, in cui si cerca di non far trapelare in alcun modo che “da adolescenti facevamo – con la ferma convinzione di essere nel giusto – un mucchio di sciocchezze, alcune tragiche, altre innocue, altre ancora davvero divertenti.”

Leggete questo libro con un bicchiere di vino, assolutamente rosso, perché quello bianco, in particolare quello con le bollicine, è fascista. Non consiglio un vino in particolare, ma comprate possibilmente quello in offerta o ancor meglio se riuscite a sgraffignarlo dagli scaffali di una grande catena come rivoluzionario e coraggioso atto di esproprio proletario.

Rispondi

Chiudi il menu
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: