High Flying Bird di Steven Soderbergh

di Andrea
Lo Gioco

Tempo di lettura: 2 minuti

I siti di streaming sono sempre più numerosi e i loro cataloghi sempre più ricchi. In particolare Netflix, un contenitore di serie tv, film, documentari, che possono essere guardati in maniera veloce e diretta. L’utilizzo di reti internet sempre più rapide permette anche una larga diffusione.

Numerosi registi si stanno cimentando nello scrivere, dirigere e produrre film o serie tv per questa piattaforma. Tuttavia altri registi, come per esempio il maestro Steven Spielberg, non vedono di buono occhi questo nuovo modo di fare cinema e sono contrari allo sviluppo di questo mezzo e ad alla possibilità che un film “netflixiano” possa ottenere dei riconoscimenti o addirittura vincere un Premio Oscar.

Tra i registi che hanno affrontato l’avventura cinematografica per Netflix ricordiamo Alfonso Cuaron con Roma, vincitore di ben tre Premi Oscar, Michel Gondry con Kidding e Steven Soderbergh. Quest’ultimo, dopo Unsane, torna a utilizzare un Iphone come macchina da presa per il film High Flying Bird. L’opera è incentrata sul mondo del basket NBA, in cui denaro e compromessi fanno da padroni durante un lockout, ossia uno sciopero dei giocatori, e su come un procuratore debba salvaguardare i propri interessi e quelli di chi rappresenta. Le peculiarità del film sono la ridottissima colonna sonora, la potenza dei dialoghi e uno scenario asettico, una New York diversa, nascosta. Ottima l’interpretazione di André Holland, con un personaggio cinico e disilluso.

Soderbergh, con l’utilizzo intelligente dell’Iphone offre immagini pure, realistiche, lineari. Il mondo dello sport è schiavo del potere dei soldi e dell’influenza dei media che prevaricano sui suoi stessi principi cardine.

Che gli smartphone possano sostituire le macchine da presa o esserne un’alternativa?

Il regista non dà una risposta ma indirizza il nostro sguardo verso nuovi possibili scenari registici, aperti a chiunque abbia un’idea, una storia da raccontare e la voglia di mettersi in gioco.

Rispondi

Chiudi il menu
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: