Il racconto della serie A. 37° giornata

Benevento Genoa 1-0
I padroni di casa salutano la A al Vigorito con una vittoria.
Il Genoa si arrende, punito da un gol di Diabatè a tre minuti dal 90′ in azione di contropiede.
I sanniti salgono così a quota 21 punti, mentre il Genoa (comunque già salvo) resta inchiodato a quota 41.

Inter-Sassuolo 1-2

Incredibile scivolone dei nerazzurri in casa. Spalletti aveva parlato della necessità di vincere questa partita che valeva come una semifinale per poi giocarsi la finale, che avrebbe assegnato l’ingresso in Champions, contro la Lazio. Invece, nel caso di vittoria dei laziali domani a Crotone lo scontro diretto potrebbe essere inutile. Politano e Berardi portano la partita in favore dei neroverdi e nulla pio il gol di Rafinha nel finale. Da stasera Roma qualificata per l’Europa che conta.

Crotone Lazio 2-2
Partita incredibile, i calabresi avevano ribaltato la situazione,dopo l’iniziale vantaggio laziale, ma negli ultimi minuti i biancocelesti pareggiano, aggiungerei un pareggio inutile per tutte e due le squadre.
Lulic sblocca la partita su rigore 17′, ma gli uomini di Zenga rispondono con Simy 29′ e Ceccherini 61′.
Nel finale arriva il pari di Milinkovic 84′.
Per i calabresi è un punto che serve poco ad oggi sarebbero retrocessi, invece la Lazio si porta a +3 dall’Inter ed ha due risultati su tre contro la stessa milanese per la Champions.
Fiorentina Cagliari 0-1
Al Franchi la squadra di Pioli perde con gli uomini di Lopez.
Gara complicata per la Viola, soffre l’aggressività dei sardi e non riesce quasi mai a tirare in porta.
Decisivo un gol al 37′ di Pavoletti.
I Viola vedono allontanarsi i sogni Europa League, invece i Sardi vanno a +1 da Spal e Crotone.
Bologna Chievo 1-2
Il Chievo espugna il Dall’Ara.
Il Bologna passa in vantaggio con un rigore di Verdi 12’, ma nella ripresa gli ospiti cambiano marcia, prima pareggiano con uno splendido gol di Giaccherini al volo di sinistro 48’, poi ribaltano il risultato con Inglese 60’ che trova l’angolino con il mancino.
Il Chievo è a +2 sul terzultimo posto di Crotone e Spal e a questo punto sembra più vicina la salvezza.
Verona Udinese 0-1
L’Udinese finalmente torna alla vittoria nel momento più delicato della stagione e si porta ad una salvezza vicinissima.
Ai friulani di Tudor basta una rete nel primo tempo per avere la meglio, il merito è di Barak, che raccoglie un cross dalla fascia destra di Jankto e batte Nicolas 20’.
Con il successo l’Udinese sale a quota 37, staccando a +2 Spal e Crotone, invece a +1 il Cagliari.
Torino Spal 2-1
I granata vincono in rimonta, gli ospiti passano nel primo tempo con Grassi 22′.
Nella ripresa si scatena Belotti che prima colpisce con un diagonale mancino 68′ e poi serve un assist a De Silvestri 88′ che segna il gol della vittoria che mancava da cinque partite.
Vittoria inutile per i padroni di casa che oramai non posso qualificarsi in Europa League, invece alla Spal serviva far punti, si trova a pari punti con la terzultima Crotone ma in vantaggio negli scontri diretti, a -1 dal Cagliari e a -2 da Chievo è Udinese.

Roma Juventus 0-0
La vecchia signora “Juventus” pareggia all’Olimpico contro la Roma ed è matematicamente campione d’Italia con un turno d’anticipo.
Per i bianconeri è il 7° titolo consecutivo che li proietta nella leggenda con un’impresa mai realizzata in Italia.
I giallorossi si portano a +2 dalla Lazio ma non sono matematicamente terzi però sicuri della qualificazione in Champions.
Sampdoria Napoli 0-2
Il Napoli vince contro i blucerchiati, trattasi di una vittoria di onore e record punti ma addio sogno scudetto.
La sfida di Marassi è decisa nella ripresa dai gol di Milik al 72′ con un sinistro a giro pregevole e da un colpo di testa di Albiol 81′.

Rispondi

Chiudi il menu
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: