Non siamo soli.

  • Post Comments:0 Commenti

GLOSSARIO

Il phylum (plurale phyla) è il gruppo tassonomico gerarchicamente inferiore al regno e superiore alla classe. Gli organismi dello stesso phylum hanno un piano strutturale comune (derivato da un antenato comune che per primo ha originato tale piano strutturale), non necessariamente evidente dalla morfologia esterna.

La metagenomica è un approccio basato sull’utilizzo di tecniche genomiche moderne per lo studio di comunità microbiche direttamente nel loro ambiente naturale, evitando così il problema del prelevamento e coltivazione in laboratorio. Si basa sul sequenziamento del genoma di microrganismi di uno stesso luogo, la cui analisi effettuata nel proprio habitat naturale viene definita metagenoma. La maggior parte di questi organismi è di difficile coltivazione a causa delle loro particolari esigenze (temperature elevatissime, pressioni pari a quella dei fondali oceanici, concentrazioni saline alte, ecc). Non potendo coltivare queste forme di vita, occorre un prelievo nei siti in cui esse crescono attivamente.

Il termine probiotico è riservato a quei microrganismi che si dimostrano in grado, una volta ingeriti in adeguate quantità, di esercitare funzioni benefiche per l’organismo.

La definizione di prebiotico è riservata alle sostanze non digeribili di origine alimentare che, assunte in quantità adeguata, favoriscono selettivamente la crescita e l’attività di uno o più batteri già presenti nel tratto intestinale o assunti insieme al prebiotico.

REFERENZE

  1. Inna Sekirov, Shannon L. Russell, L. Caetano M. Antunes, and B. Brett Finlay. Gut Microbiota in Health and Disease. Physiological Reviews 2010 90:3, 859-904 2010https://doi.org/10.1152/physrev.00045.2009
  2. Qin, J., Li, R., Raes, J. et al. A human gut microbial gene catalogue established by metagenomic sequencing. Nature 464, 59–65 (2010). https://doi.org/10.1038/nature08821
  3. Sender R, Fuchs S, Milo R (2016) Revised Estimates for the Number of Human and Bacteria Cells in the Body. PLOS Biology 14(8): e1002533. https://doi.org/10.1371/journal.pbio.1002533
  4. Arumugam M, Raes J, Pelletier E, et al. Enterotypes of the human gut microbiome [published correction appears in Nature. 2011 Jun 30;474(7353):666] [published correction appears in Nature. 2014 Feb 27;506(7489):516]. Nature. 2011;473(7346):174–180. doi:10.1038/nature09944
  5. Sommer F, Bäckhed F. The gut microbiota–masters of host development and physiology. Nat Rev Microbiol. 2013 Apr;11(4):227-38. doi: 10.1038/nrmicro2974.
  6. Guarner F, Malagelada JR (February 2003). “Gut flora in health and disease”. Lancet 361 (9356): 512–9. doi:10.1016/S0140-6736(03)12489-0.PMID 12583961.
  7. Stewart, C.J., Ajami, N.J., O’Brien, J.L. et al. Temporal development of the gut microbiome in early childhood from the TEDDY study. Nature 562, 583–588 (2018). https://doi.org/10.1038/s41586-018-0617-x
  8. TEDDY Study Group. The Environmental Determinants of Diabetes in the Young (TEDDY) Study. Ann N Y Acad Sci. 2008 Dec;1150:1-13. doi: 10.1196/annals.1447.062. PMID: 19120261; PMCID: PMC2886800.
  9. Huttenhower, C., Gevers, D., Knight, R. et al. Structure, function and diversity of the healthy human microbiome. Nature 486, 207–214 (2012). https://doi.org/10.1038/nature11234
  10. Spor, A., Koren, O. & Ley, R. Unravelling the effects of the environment and host genotype on the gut microbiome. Nat Rev Microbiol 9, 279–290 (2011). https://doi.org/10.1038/nrmicro2540
  11. Brock. Biologia dei microrganismi. Vol3, microbiologia biomedica. (2012)
  12. https://microbioma.it/
  13. https://www.nature.com/
  14. https://www.lescienze.it/
  15. https://www.wikipedia.org/
  16. http://www.treccani.it/

Rispondi