Princesa e altre regine.

di Amalia

Princesa e altre regine

20 voci per le donne di Fabrizio De André

Un progetto di Concita De Gregorio, Giunti, 2018

Si corre sempre un rischio molto alto quando si sceglie di tornare a dare a voce a chi ne ha avuta una sempre così riconoscibile e legata alla propria narrazione. Si rischia di non essere all’altezza, il fraintendimento o la sovrainterpretazione.

Nel caso delle donne delle canzoni di De André però c’è una domanda che forse ci saremo fatti in tanti e che riesce in qualche modo a legittimare questo rischio:

Chi siete voi?

È questo il quesito che si pongono le venti autrici del testo curato da Concita De Gregorio. Le storie, le illustrazioni, i progetti fotografici di questa raccolta di regine cerca di recuperare la fragilità inossidabile che lega De Andrè alle donne di cui racconta.

Come siete fatte, fatevi vedere. Prima e dopo quel momento: come camminate, dove andate, da chi o via da dove. Con che cappello, se lo portate per strada. Lasciatevi incontrare. Se no come facciamo a raccontare la fiaba.

Princesa risulta infine un rispettosissimo omaggio; i testi delle canzoni sono sempre in apertura a ogni capitolo. Come a volerci ricordare di chi ha parlato De Andrè prima di farci scoprire quel qualcosa in più che potrebbe acquisire con le parole di un’altra autrice, con i colori di una disegnatrice o con lo scatto di una fotografa.

Le parole scorrono sempre estremamente rapide, le immagini non negano mai la complessità di queste figure, di Marinella, di Bocca di Rosa, Angiolina e ancor di meno di Fabrizio. Ci si scopre più lenti e titubanti proprio sui testi delle canzoni. Felicemente lenti e titubanti. Accompagnati dall’incapacità di leggere quelle parole se non sentendo la melodia che le ha sempre fatto da fedele alleata. Con la certezza che questa lentezza e questa titubanza probabilmente nascono da quella stessa domanda ma anche dal piacere di non avere e di non riuscire a intuire una risposta.

Durante un concerto Fabrizio De Andrè disse Di fronte a quello che reputo bello sono disposto a qualsiasi infedeltà. È da questo omaggio alla bellezza e da questa saggia infedeltà che nasce il progetto di Princesa, per questo vale la pena di sfogliarlo, canticchiarlo e poi continuare a chiedersi:

Chi siete voi?

Rispondi

Chiudi il menu
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: